HOME
RECENSIONI
BIOGRAFIE
BAND INDIPENDENTI
MP3
NEWS
INTERVISTE
INSERTI SPECIALI
CONCERTI
Associazione
Forum
Partners
Links
Sostenitori
Cerca  
-------------------------------------
\\\\\\\\\\ CONCERTI //////////
-------------------------------------
David Boato Quartet
30/07, Montegrotto Terme PD

00/00,

00/00,
-------------------------------------
\\\\\\\\\\\\\ NEWS /////////////
-------------------------------------
19/08/2009
Video della settimana: Iron&Wine - Naked As We Came
20/07/2009
Locarno: alla Cambusa ritorna uno dei Festival più interessanti del Cantone
01/07/2009
Berna: Gurtenfestival 2009 - Ecco il programma
-------------------------------------
\\\\\\\\\\\\\ LINKS /////////////
-------------------------------------
Rock-e
Webzine della Svizzera italiana di musica rock
BAND INDIPENDENTI ////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////

"I brani udibili sul nostro sito sono estrapolati via link dalla homepage dei singoli artisti e la loro presenza su www.universomusica.com è stata espressamente richiesta dai musicisti stessi. Si declina pertanto ogni pretesa finanziaria ed ogni responsabilità sull'utilizzo dei brani"

Vomitiors

Rock Ticinese

website

E-mail

 
COMPONENTI

Lalo, cantante
Donat, chitarra
Poncho, basso
Daiv, batteria

 
DISCOGRAFIA

"RIEI", 1994
"A GNE' PAR TÜCC!", 1996
"ACQUE PASSATE", 1997
"DEL CUL FECE TROMBETTA", 1998
"TEGNOM DÜR", 2001
"76:48", 2003

 
BIOGRAFIA
 

1991
Era una calda domenica dell’estate del 1991 quando Lalo, Poncho e Donovan, dopo travagliate carriere nella scuola dell’obbligo, si ritrovarono per la prima volta con i loro strumenti. Già durante quella sessione nacque la loro prima canzone, “Scimmia del Rock”. Per alcuni giorni il nome del gruppo fu “Scod”, ben presto trasformato in Vomitors. C’è chi dice che il nome Vomitors sia stato utilizzato già due anni prima, in occasione della festa di fine anno della Scuola Media di Losone... Comunque sia, uno dei membri di quel gruppo provvisorio si unì quasi immediatamente ai nuovi Vomitors, e un secondo giocherà un ruolo fondamentale nel loro sviluppo qualche anno dopo. Sabato 17 agosto un pubblico selezionato di otto spettatori ebbe il privilegio di assistere alla prima esibizione del quartetto varziese. Il concerto si tenne nella sala piccola del Teatro Dimitri a Varzio, a pochi passi dal locale prova, a casa di Donovan. Il concerto fu un disastro: in un piccolo ampli Philips, più adatto al karaoke che all’amplificazione di strumenti, vennero collegate le chitarre di Lalo e Donat, il basso di Poncho e alcuni microfoni; nessuno conosceva una canzone per intero e non si riuscì a mettersi d’accordo su cosa suonare. La situazione degenerò e la rissa venne evitata per poco. Ma i quattro seppero gestire positivamente i conflitti e non si lasciarono perdere d’animo.

1992
Per una seconda esibizione del gruppo si dovette attendere la primavera dell’anno seguente. Nel frattempo il nome era stato mutato in Vomitiors. Non si trattò però di una scelta cosciente, ma della conseguenza di un errore grafico, derivato dalla volontà di dare simmetria al logo del gruppo. L’attaccamento al nome non era sufficiente a giustificare la fatica che sarebbe costato rifare il logo, e così rimase Vomitiors... Il 24 aprile 1992 i Vomitiors vennero invitati a suonare ad una festa a Russo in Valle Onsernone. Il cartellone della festa diceva: “alle 24.00 i lenti con i Vomitors”. L’incarico assegnato al gruppo era arduo; inoltre Donat era assente e venne sostituito per l’occasione da Gabri. Il commento critico che rimase di quella serata è quello espresso da Toti che, dopo la sua performance di danza neoclassica disse al gruppo: “A sembrii i Pink Floyd!”. Alcuni mesi dopo venne distribuita in una ventina di esemplari la prima testimonianza registrata del gruppo: “Funeral”. A differenza di quello che era stato proposto dal vivo, la cassetta conteneva cinque canzoni Death Metal e una ballata; tutto in inglese o qualcosa di simile. Una delle canzoni era stata inoltre registrata assieme ai Black Trust, gruppo in cui allora suonavano Daiv e Donat. Contemporaneamente vennero stampate le magliette del Funeral Tour, anche se la tournée rimase in realtà un concetto astratto.

1993
Essendosi unito ad una formazione con prospettive ben più rosee di nome Cassandra, nella primavera del 1993, Donovan lasciò il gruppo e fu sostituito da Gengu. Benché ancora molto rudimentali, le canzoni cominciarono ad assumere forme più definite ed ascoltabili. In quel periodo venne diffusa la seconda cassetta dei Vomitiors, chiamata “Som resctaa a boca verta”. Accanto alle vecchie canzoni death metal c’erano alcune cover e le protoversioni di Erminio e Nano, per lo più suonate da Lalo in versione solista. Sulla copertina c’era scritto: “i nuovi Vomitiors cominciano da qui, dimenticando il passato”. E in un certo senso fu così: Gengu fece tre soli concerti e, nell’autunno dello stesso anno, a causa di discrepanze politiche con il leader, concluse la sua collaborazione con il gruppo. Fu crisi generale. Ma solo poche settimane dopo si aggiunse al gruppo Jalal, che aveva già suonato con Donat tempo prima, ed era molto quotato sulla scena locarnese. In poche prove Jalal imparò le 17 canzoni per il concerto del 7 dicembre nel salone comunale di Varzio, del quale venne realizzato e distribuito anche un ormai rarissimo video.

1994
Dopo soli tre mesi con Jalal, dal 23 al 25 gennaio 1994, i Vomitiors entrarono in studio con Kiko Berta per registrare il primo cd “Riei”. Dopo la pubblicazione del disco le proposte di concerti aumentarono notevolmente e la band cominciò il suo lungo peregrinare attraverso i più remoti angoli del Ticino.

1995
Nel 1995 iniziarono a circolare le prime notizie su un possibile seguito a “Riei”. Il 1 giugno i Vomitiors vinsero un concorso al Boomerang di Riazzino che avrebbe dovuto permettere loro di finanziare almeno in parte la nuova registrazione. Ma ad alcuni promettenti concerti seguirono apparizioni di dubbia qualità. Dopo aver suonato in ogni buco possibile ed aver annoiato anche i fan più scatenati i Vomitiors sembrarono giunti alla fine. L’entusiasmo era come svanito e il concerto del 21 ottobre allo Studio Foce di Lugano, suonato in tre e in condizioni pietose, avrebbe potuto essere l’ultimo.

1996
All’inizio dell’anno Jalal scomparve misteriosamente dal gruppo; i motivi e la correttezza della separazione restarono segnati da molti dubbi. A salvare le sorti dei Vomitiors fu l’arrivo di Daiv, che già da diversi anni suonava con Donat in altre formazioni. In pochi mesi furono completate le canzoni registrate poi con Mario Krag all’inizio di giugno e pubblicate in “A gnè par tücc”.
1997
Dopo una lunga serie di concerti, nell’estate del 1997, il gruppo registrò con Grant Dow nel locale di Varzio le nove vecchie canzoni inedite che assieme ad una ristampa di “Riei” andarono a formare il cd “Acque passate”.

1998
Nell’estate del 1998 venne registrato con Mario Krag e Jürgen Fischer il disco più sofferto: “Del cul fece trombetta”, comunque un ulteriore balzo in avanti.

1999-2000
I due anni seguenti furono segnati da innumerevoli concerti grandi e piccoli tra cui la prima edizione dell’Open Air Tiglion, l’11 settembre 1999. Nel giugno 2000 i Vomitiors trasferirono il loro locale a Riazzino, che pochi mesi dopo venne completamente allagato. La perdita degli strumenti provocò un notevole rallentamento nella preparazione delle nuove canzoni e la registrazione del prossimo cd subì lunghi ritardi.

2001
Nell’estate 2001 si riesce finalmente a registrare il quinto cd. Il disco viene registrato a Varzio e Tenero da Mario Krag e diventa in breve tempo il disco di gran lunga più venduto del gruppo.

2002
Nel 2002, tra un concerto e l’altro, si riprende a scrivere canzoni e Disques-Office ristampa tutti i vecchi cd dei Vomitiors. Il 31 agosto ha luogo la seconda edizione dell’Open Air Tiglion a Varzio.

2003
Dopo il concerto del 22 febbraio al Nouveau Monde di Friborgo (nel frattempo distruttodalle fiamme), i Vomitiors si ritirano dai palchi per preparare il il loro sesto cd, pubblicato in autunno.loro sesto cd, pubblicato in autunno “ 76:48”.

 

> back < << prev next >>

Radio Gwendalyn

Google

©2002 Creato da: M. Minotti / Universo Musica, Via Mezzavilla 34, 6503 Bellinzona - Tel: 079/661 25 09
Sito ottimizzato per risoluzione 1024 x 768
All rights reserved